Entrata € 6
comprensiva di
una consumazione gratuita
del valore di un caffé
gentilmente offerto da Bar Sorriso
(adiacente al Teatro)


Organizzazione:
Proposta Teatro Collettivo
con Gruppo di Solidarietà
Parrocchia di San Bartolomeo
e Amministrazione Comunale

Info e prenotazioni:
334.6446696 - 344.1350020

Teatro Frassinelle Chiesa

sab.14-21-28 settembre 2019 ore 21.15
teatro - Frassinelle Chiesa (RO)

sabato 14 settembre ore 21.15
Compagnia Ospedaletto ci prova
di Ospedaletto Euganeo
A SO INTEIJENTE MI!
due atti e regia Francesco Chiodin

sabato 21 settembre ore 21.15
Compagnia La acque mosse di Battaglia Terme
MEJO MATO CHE MONA
tre atti adattamento e regia di Sandro Cappellozza

sabato 28 settembre ore 21.15
Compagnia Montebello di Bresseo
I CIUCIAGAINE
due atti di Nicola Pegoraro
regia di Fidenzio Pirolo

------------- TRAME ------------------------------

A SO INTEIJENTE MI!
Luisa isterica perché non trova moroso, né tantomeno marito per via del suo caratteraccio scorbutico e prepotente, è molto gelosa perché gli altri hanno tanta libertà e facilità di contatti umani, mentre lei, sempre per via del suo caratteraccio, è una zitella incallita. Però il principe azzurro arriva anche per lei, che avendo e mantenendo sempre quel caratteraccio pretende di fare quello che vuole. Ma alla fine della storia... E’ una vicenda amorosa, molto umana che coinvolge tante persone e tanti affetti, ma che costringe alle risate per le inevitabili operosità sceniche dei vari personaggi che si alternano sulla scena durante tutta la vicenda.

MEJO MATO CHE MONA
Scritta nel 1929 da Emilio Caglieri (1898-1986) “Lo smemorato” (titolo originale di questa spassosa commedia) trae spunto dalla vicenda di cronaca dello “smemorato di Collegno” che vide dividersi nella seconda metà degli anni `20 l’opinione pubblica tra “Canelliani” e “Bruneriani”. Per Domenico, bravo e onesto tipografo, la vita non è facile. È attorniato da chi, approfittando del suo carattere mite e remissivo, lo sottopone a vessazioni e umiliazioni: la moglie, la suocera invadente, il cognato sfaccendato aspirante boxeur assieme al suo fasullo e scroccone “manager” gli spillano quattrini e lo maltrattano. Con l’aiuto di un vecchio commilitone e con lo stratagemma di fingere di aver perso la memoria riuscirà a riguadagnare fiducia in se stesso e a riportare il “giusto equilibrio” e la serenità in famiglia. Da questa commedia è stata tratta una versione cinematografica datata 1936 che vede tra gli interpreti Angelo Musco, Lidia Ferida e Paola Borboni.

I CIUCIAGAINE
La famiglia dei Ciuciagaine è un po’ “anomala”: Vladimiro, età 200 anni, in constante lotta con la nuora Ginevra, sogna il tempo in cui, giovane e aitante, azzannava vergini pulzelle per succhiarne il sangue, ahimè ora sostituite dalle ruspanti galline rubate dalla famiglia dei Bortoli. A completare il quadretto famigliare, vi sono Alcide e le figlie, tutti rigorosamente lavoratori notturni a scanso di ….sole!
In una giornata tenebrosa, in questa casa misteriosa, si intrufolano due ladri convinti di trovare refurtiva preziosa. Ed è così che i Ciuciagaine da ladri diventano derubati e trasferiti in commissariato, insieme alla loro fedele donna delle pulizie ed alla vicina Amelia bramosa di recuperare le occasioni perdute. La comicità situazionale è sostenuta da battute incalzanti e colpi di scena. Originali i personaggi e l’impianto scenografico per questa commedia dal sapore misto di Transilvania e paese di campagna veneta.
aggiungi alla tua Agenda

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento