​Ingresso: interi € 8,50
ridotti giovani e anziani € 7

Info e prevendite:
Cartolibreria Trevisan
via M.D’Azeglio 9
0429.2451 - 338.9772080

info@teatrovenetoeste.it  
www.teatrovenetoeste.it

Il botteghino del Teatro
apre un’ora prima
degli spettacoli:
0429.51551 - 348.7221972

Org. Città di Este -
​Compagnia Teatro
Veneto “Città di Este”

XXXIX Stagione di Prosa

Teatro dei Filodrammatici - 2018/2019

gennaio-marzo 2019
Teatro dei Filodrammatici - Este (PD)

DOM.20 GENNAIO ore 16.30
Al Cavallino Bianco 

di Oskar Blumenthal e Gustav Kadelburg
Compagnia Fata Morgana di Preganziol (TV)
Regia di Fabrizio De Grandis 

DOM.3 FEBBRAIO ore 16.30
Le scostumate

da Carlo Goldoni 
Compagnia Sottosopra di Bagnoli di Sopra
Regia di Nora Fuser 

DOM.17 FEBBRAIO ore 16.30
Villa Artemisia

di Velise Bonfante 
Compagnia El Canfin di Baricetta di Adria (RO)
Regia di Gianni Rossi 

DOM.3 MARZO ore 16.30
Il cornuto immaginario

da Molière 
Compagnia Teatro dei Pazzi di S. Donà di Piave (VE) 
Regia di Giovanni Giusto 

DOM.17 MARZO ore 17.15
(fuori abbonamento)
Quel piccolo campo
di Peppino De Filippo 
Compagnia Teatro Veneto "Città di Este"
Regia di Viviana Larcati 

---------- TRAME ----------------------------

Al Cavallino Bianco 
Sulle rive di un lago austriaco sorge l'albergo "Al Cavallino Bianco" di cui è proprietaria la bella vedova Gioseffa. Le aspettative sentimen­tali dei variegati avventori creano una girando­la di coppie immaginarie, ipotetiche e reali che si scompongono e ricompongono finché, alla fine, ogni cosa troverà il suo giusto posto. Tra i turisti ospiti, in questa versione della commedia della compagnia trevigiana, non mancano alcuni buffi personaggi veneti ... 

Le scostumate
Un'idea allegorica, dove cinque uomini inter­pretano ruoli femminili e una donna interpre­ta quelli maschili. Il collage racconta di un Goldoni vecchio e cieco a Parigi, ultima sua dimora, dove - tra incubo e lucidità - incontra i cinque amici con i quali si divertiva a Villa Widmann di Bagnoli, in villeggiatura, a reci­tare e scrivere il suo teatro: dalla Locandiera alle Baruffe chiozzotte, Le massere ed altre commedie, fino ai Rusteghi. 

Villa Artemisia
Terra veneta, imprecisati tempi moderni. La contessa Artemisia parte per una crociera l Nilo, affidando la sua villa alle cure del maggiordomo Fedele, che dovrà anche su­pervisionare i lavori di ristrutturazione. Le velleità della serva-padrona Mafalda, e le sue innumerevoli bugie per vendicarsi con una vecchia flamma, colpevole di ingratitudine, coinvolgeranno via via tutti i frequentatori della villa ... fino al rientro anticipato della padrona di casa. Patatrac! 

Il cornuto immaginario
La trama attinge a piene mani dal teatro di Molière: da una parte Sganarello sulle tracce dei tradimenti della moglie, e dall'altra il vec­chio Pantalone vittima dell'amor senile. Ai loro dilemmi fanno da contorno le incursioni di Dottori, Streghe, Cavalieri e Capitani nella miglior tradizione della Commedia dell'Arte. Le strade dei protagonisti si incon­treranno solo nell'ultima scena, per metterci in guardia da tutti i pericoli ... del prender moglie! 

Quel piccolo campo
Una clausola contestata del testamento del padre mette in guerra Rocco contro i frati del paese. Raccontando con tratti tragicomici gli aspetti più arcaici della campagna, l'autore svolge la trama con guizzi di fantasia e di burla. Diversamente dal teatro di rappresentazione storico-sociale e di impegno civile del fratello Eduardo (1900-1984), Peppino (1903-1980) non disdegnò mai, infatti, di denominare "far­se" le sue composizioni, volutamente para­dossali. 
aggiungi alla tua Agenda

canali: Teatro e Musica

vedi altre iniziative del: Comune di Este >>>

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento